Le parole hanno il valore che dà loro chi le ascolta (G.V.)

Vi è mai capitato di trovarvi in un gruppo, magari per questioni d’affari, e non riuscire ad inserirvi nella discussione? Avere la sensazione di essere impacciati, e goffi nel sollecitare l’attenzione degli altri? L’attenzione è un elemento costitutivo fondamentale di una comunicazione funzionale. L’ascolto è chiave nella comunicazione. Quando non si riesce ad attrarre la giusta attenzione, le persone non ascoltano, così da condizionare indirettamente le nostre capacità argomentative, e impedirci di usare la nostra gestualità e la retorica migliore.

  1. Utilizza l’espressione “a proposito”. Interrompere la comunicazione di qualcuno in un gruppo non è mai considerato piacevole o educato. Utilizzando questa locuzione si entra nella discussione non solo condividendo la propria esperienza, ma legandola a quella dell’interlocutore. Così facendo, si mostra interesse per l’argomento e l’esperienza di chi ci ascolta, senza sembrare prevaricanti.
  2. Usa il contatto visivo. Quando si utilizza il contatto visivo si richiede attenzione a livello non verbale. Ci avete mai pensato? Guardare qualcuno negli occhi e aspettare che ricambi lo sguardo è un po’ come chiedergli il permesso per iniziare a parlare.
  3. Parla a voce leggermente più alta. Può sembrare uno dei molti strumenti banali di retorica, ma un volume di voce più alto del 5-10% può essere fondamentale per attirare l’attenzione. Se si parla ad un volume di voce troppo basso si trasmette insicurezza e si comunica, a livello inconscio, che ciò che abbiamo da dire non è importante.
  4. Chiedi e ricorda i nomi delle altre persone. Quando si chiamano le persone per nome, queste vengono quasi stimolate inconsciamente all’ascolto. Vi è mai capitato di sentir pronunciare il nome di un vostro omonimo da terzi e sentirvi quasi chiamati in causa in una conversazione alla quale non partecipavate?
  5. Usa l’entusiasmo per aprire il discorso. Molte persone tendono a comunicare concetti in maniera asettica, strettamente cronologica e dettagliata, soffermandosi senza nessun coinvolgimento emotivo su particolari di nessun interesse. Quando siamo noi ad assistere a questo tipo di discorsi, non vediamo l’ora che si arrivi al dunque, e perdiamo la concentrazione quasi subito.
  6. Utilizza un linguaggio del corpo incisivo e aperto. Inserirsi in una discussione tra due persone concentrate su se stesse può essere difficile. A questo proposito, può risultare utile un linguaggio del corpo incisivo e sicuro. Anziché alzare la mano e chiedere il permesso di parlare, ad esempio, può essere efficace avvicinarsi al gruppo con il braccio in posizione di apertura.